Volkswagen, dal 2019 le sue auto parleranno fra di loro

Volkswagen, dal 2019 le sue auto parleranno fra di loro.

Lo scambio d’info tra auto differenti e tra loro e le infrastrutture attorno è un ulteriore passo avanti verso vetture sempre connesse con un obiettivo chiaro: ridurre gli incidenti stradali e relative conseguenze.

 Sono molti i costruttori a lavorare su tecnologie di comunicazione fra veicolo e veicolo (V2V) e fra veicolo e infrastrutture (V2X), considerate un passaggio obbligato in direzione dell’auto connessa e del miglioramento delle condizioni di sicurezza sulle strade: grazie a queste novità un automobilista può essere avvisato in anticipo, ad esempio, se dietro una curva è presente un incidente o se l’asfalto è sdrucciolevole lungo un tratto di strada.

Per questo tra un paio d’anni Volkswagen offrirà di serie sui propri modelli l’inedita tecnologia pWLAN, un modo di comunicazione aggiuntiva per lo scambio di dati e info importanti sul traffico tra le auto (car-to-car) – anche di brand differenti – e tra i veicoli e le infrastrutture dei trasporti (car-to-X).

 Questo significa che i messaggi non verranno letti e inviati solo dalle Volkswagen, ma anche dalle vetture concorrenti equipaggiate con la tecnologia.

Il protocollo pWLAN esclude la necessità di memorie per salvare le informazioni o di costi di comunicazione, dal momento che le informazioni vengono trasmesse all’interno di una rete locale e non attraverso la connessione ad internet.

 

La tecnologia pWLAN rientra all’interno di un progetto molto ampio e ambizioso, visto che non potrà funzionare a dovere se non verrà utilizzata anche da mezzi di soccorso, segnaletica di lavori stradali e infrastrutture, ad esempio parcheggi, che in questo modo potranno indicare agli automobilisti posti liberi nelle vicinanze.

Facciamo un esempio: se un’auto effettuerà una frenata d’emergenza o rileverà la presenza di ghiaccio, tali informazioni saranno condivise in un attimo con l’ambiente circostante, permettendo, così agli utenti della strada di reagire ai pericoli in maniera appropriata.

 

 

Cellulare alla guida, ritiro patente subito fino a 6 mesi
PREVIOUS POST
Manutenzioni auto, i controlli da non dimenticare, errori da non fare
NEXT POST